NATALE

L'etimologia del termine Natale è da ricondursi all'aggettivo latino natalis, col significato di natalizio, nel senso di "qualcosa che riguarda la nascita", che a sua volta deriva da natus, participio perfetto del verbo nascor.
Sembra più interessante, però, concentrarci sull'origine di questo verbo, che nella sua forma originaria era gnasci.
In questo ultimo lemma, infatti, riconosciamo la radice gna- (o gan-) che indica proprio la generazione e che troviamo anche in cognato o in natura o ancora nel'aggettivo greco γνήσιος (gnesios), legittimo, quasi sempre legato a figlio.

SCIOPERO

L'etimologia del termine sciopero è da ricondursi all'unione della preposizione latina ex con il verbo operare, da cui il verbo ex-operare, con il significato di "lavorare al di fuori di" in cui l'accezione esclusiva è data proprio dalla preposizione ex.
A partire da tale verbo, quindi, per trasformazione fonetica e semantica, si è giunti fra il XVIII e il XIX secolo al significato odierno del termine, inteso come interruzione volontaria delle attività lavorative al fine di rivendicare maggiori diritti o tutele.

PORNOGRAFIA

L'etimologia della parola pornografia si ricollega al greco antico e precisamente a πόρνη (pòrne) = prostituta + γραφή, (graphè) = disegno, scritto, documento Pertanto, pornografia significa, letteralmente, scrivere riguardo a prostitute o rappresentare prostitute. Del resto il verbo greco περνημι (pèrnemi) significa vendere, vendersi, in senso lato, prostituirsi. In senso più ampio, per pornografia intendiamo  rappresentazioni come  films, immagini, giornali, scritti etc., il cui contenuto sia meramente sessuale/genitale ed essenzialmente finalizzato all'eccitazione dei fruitori. Diverso discorso per il "genere erotico", che a differenza di quello pornografico, pur contenendo rappresentazioni di sesso più o meno esplicite, tuttavia, può essere considerato una vera e propria forma di arte, nella misura in cui superi i limiti della rappresentazione pornografica e si ponga come fine la trasmissione ai fruitori di veri e propri contenuti artistici attraverso la scena erotica, usata appunto, come mezzo di espressione artistica.

RELIGIONE

Sull'etimologia della parola religione (in latino religio) vi sono, sinteticamente, le seguenti ipotesi:

Tesi ciceroniana - dal latino relegĕre composto dal prefisso re-  che indica frequenza + legĕre = scegliere ed in senso lato, cercare, guardare con attenzione, avere riguardo, avere cura:

« qui autem omnia quae ad cultum deorum pertinerent diligenter retractarent et tamquam relegerent, sunt dicti religiosi ex relegendo, ut elegantes ex eligendo, diligendo diligentes, ex intelligendo intelligentes; his enim in verbis omnibus inest vis legendi eadem quae in religioso.»  (Cicerone, De natura deorum ad M. Brutum liber secundus 28,72)

« coloro, invece, che diligentemente riesaminassero e, tanto quanto, osservassero tutto ciò che fosse pertinente il culto degli dei sono detti religiosi (che deriva) da relegere, come eleganti (deriva) da eligere, diligenti (deriva) da diligere, intelligenti (deriva) da intelligere; infatti, in tutte queste parole è contenuto il valore di legere, lo stesso che in religioso. »


Tesi lattanziana - dal latino religāre, composto dal prefisso re-, intensivo + ligāre =  unire insieme, legare:

« Hoc vinculo pietatis obstricti Deo et religati sumus; unde ipsa religio nomen accepit, non ut Cicero interpretatus est, a relegendo. »  (Lattanzio, Divinarum Institutionum liber IV 28,2.)

« Per questo vincolo di pietà siamo stretti e legati a Dio: onde (ossia: dall'essere legati) prese il nome la stessa religione, e non come Cicerone ha interpretato, da relegere. »


Tesi agostiniana - dal latino religĕre composto dal prefisso re-, intensivo + ēlĭgĕre = scegliere:

« Hunc eligentes vel potius religentes (amiseramus enim neglegentes)- hunc ergo religentes, unde et religio dicta perhibetur, »  (Agostino, De Civitate Dei contra paganos libri viginti duo X,3,2)

« Sceglienti Questi (ossia: Dio), anzi sceglienti di nuovo, - avevamo perduto (Dio) perché negligenti - dunque sceglienti di nuovo Questi (ossia: Dio), onde (ossia: dallo scegliere di nuovo) pure religione è detta derivata, »


In ogni caso, le tre tesi non risultano essere incompatibili tra loro, anzi, sembrano completarsi a vicenda, essendo la religione un insieme di sentimenti e di atteggiamenti di riguardo e di cura verso la divinità, ed insieme, un legame, un rapporto tra la divinità ed i religiosi, ed infine una scelta personale di fede, cioè di fiducia, di affidamento alla divinità.

FEDELTA'

L'etimologia della parola fedeltà si richiama al latino fidelitas a sua volta da fides (prima ancora feides) = fedeltà, lealtà. Dalla radice sanscrita bandh-, poi bad- e bid- ed infine fid- = legare che ritroviamo anche nel greco πιστεύω (pisteyo)fidarsi, credere, affidarsi. Per cui, fedeltà è la qualità di essere leali e coerenti nel mantenere gli impegni presi, i legami, gli obblighi assunti.