DENARO

L'etimologia della parola denaro si ricollega al latino (nummus) denarius = (moneta) che vale dieci (assi), a sua volta da deni cioè "a dieci a dieci". Infatti, inizialmente, il denarius fu una moneta coniata in argento, e valeva dieci assi; in seguito, ebbe diversi valori e fu coniata in diversi metalli. Il termine denaro acquisì, nel tempo, il significato di moneta in generale, e divenne sinonimo di valùta.

BOICOTTAGGIO

L'etimologia della parola boicottagio si ricollega al nome del capitano inglese Charles Cunningham Boycott, che fu amministratore dei possedimenti del conte di Erne, ricco latifondista irlandese del diciannovesimo secolo. Boycott era solito vessare anche crudelmente i contadini a lui sottoposti, finché la "Lega irlandese dei lavoratori della terra" non intraprese contro di lui una lotta non violenta consistente nell'attuazione di una campagna di isolamento e di non collaborazione. Sembra addirittura che nessuno gli rivolgesse più la parola né si sedesse accanto a lui né volesse avere alcun tipo di rapporto con questo personaggio, al punto che fu costretto a dimettersi. Pertanto col termine boicottaggio si intende un'attività di contrasto, in genere non violenta, che si basa sulla non collaborazione e sull'isolamento dell'avversario.

BARAONDA

L'etimologia della parola baraonda è da ricollegarsi allo spagnolo barahunda = disordine, confusione, a sua volta dall'antico ebraico "barūk-adonai" = "benedetto il signore", diffusissima giaculatoria ebraica che, ripetuta ad alta voce da tanti fedeli contemporaneamente, creava, appunto, "baraonda", cioè chiasso, confusione, ed in senso più ampio, disordine.

CAPARRA

L'etimologia della parola caparra si riconduce all'unione di due parole latine: il verbo capere = prendere + arra o arrha = pegno, garanzia. Pertanto, il termine caparra indica, nel linguaggio corrente, la somma in denaro data o ricevuta in garanzia dell'adempimento adempimento di un successivo contratto di acquisto. Altra soluzione etimologica possibile: caparra dall'unione di capo = inizio + arra = pegno, garanzia. Quindi, caparra = inizio di un impegno.

BURATTINO

L'etimologia della parola burattino si riallaccia al termine buratto = panno ordinario di colore scuro con cui venivano confezionati i fantocci di cenci che acquisirono perciò il nome di burattini. A differenza delle marionette che sono pupazzi fatti generalmente in legno e vengono manovrati attraverso i fili, i burattini, invece, sono pupazzi che hanno la testa in legno o altro materiale (cartapesta, creta, etc.) e vengono mossi direttamente dalla mano del burattinaio che li indossa a mo' di guanti. Per questo motivo i burattini compaiono in scena solo a mezzo busto. 
In senso figurato, si definisce burattino, ovviamente in modo fortemente dispregiativo, una persona facilmente manovrabile, volubile e priva di personalità.