PIANETA

L'etimologia della parola pianeta è tipicamente greca; si ricollega, infatti, al verbo greco πλανάομαι (planàomai) = andare errando, andare di qua e di là. Infatti, nell'antica Grecia, πλάνητες ἀστέρες (plànētes astéres)  = stelle vagabonde, erano denominati gli astri che si spostavano nel cielo notturno rispetto allo sfondo delle stelle fisse.

4 commenti:

g.frank ha detto...

i pianeti sono stelle mancate..per esempio Giove..che somiglia a una stella nana Bruna. la terminologia non tiene conto delle nebulose con gas elementi composti, che poi formano sistemi stellari, tra cui i pianeti,satelliti, asteroidi, comete, che secondo la massa che li compone si distinguono. Ma sono della stessa natura. Cmq. insieme, generano la vita universale tra stella che da energia e pianeti che sono la casa della vita...Gianfranco Pesci Urbisaglia (MC)

Unknown ha detto...

i pianeti non sono stelle mancate ma si formano grazie alle stelle...è come dire che un topo è un elefante mancato

Anonimo ha detto...

All'amministratore:
Come da definizione i pianeti sono semplicemente astri che hanno un movimento indipendente dalle costellazioni appunto erranti.

Quello che mi colpisce è il fatto che nelle tante foto che ognuno di noi può fare alle stelle, non si scorga mai il movimento di traslazione della terra e di tutto ciò che insieme ad essa si presuma viaggi a milioni di km orari sparata nell'infinito in qualsiasi direzione dal giorno dl bb.

Per tutto il resto la scienza tanto la si impara da Star Wars

Damiano ha detto...

Il movimento di traslazione (quello di rivoluzione) si scorge, ma in tempi un po’ più lunghi, gli astronomi tramite questo movimento e misurando la parallasse sono riusciti a determinare le distanze di milioni di stelle. Per quanto riguarda invece il movimento proprio del sole e anche della terra, ovvero di tutto il sistema solare, rispetto alle altre stelle, questo è visibile solo in decine di migliaia di anni. Questo è sopratutto dovuto alla enorme distanza fra le stelle, e anche dal fatto che più o meno tutte le stelle si muovono su orbite simili tutte insieme contemporaneamente e più o meno alla stessa velocità intorno al centro della nostra galassia.