PROTEGGERE

L'etimologia della parola proteggere si riconduce al latino, più precisamente all'unione dell prefisso pro = avanti e del verbo tegĕre = coprire. Quindi, proteggere significa letteralmente "coprire ponendosi avanti", difendere frapponendosi tra il pericolo e la persona o il bene da proteggere. Proteggere è sinonimo di difendere, aiutare, , sostenere, appoggiare, tutelare, salvaguardare, soccorrere etc.
Il sentimento di protezione è, di solito innato, non solo tra gli esseri umani nei confronti della propria prole, degli affetti più cari, dei genitori anziani, o, più in generale, nei confronti di chi si trova in condizioni di debolezza  ma è parimenti diffuso nel mondo animale. 

DITTATORE

L'etimologia del termine dittatore è da ricondursi al celebre vocabolo latino dictator da dictare, il suo significato originario è dunque "colui che dice, che ordina". In particolare il dittatore nell'antica Roma era un magistratus nominato dai Consoli in caso di pericoli imminenti per la Res Publica con lo scopo di accentrare e velocizzare le decisioni che, altrimenti, sarebbero state di competenza del Senato. Il dictator  rimaneva in carica per soli sei mesi ed era oggetto al giudizio dello stesso Senato.
La prima trasformazione di questa carica avvenne con Giulio Cesare che si fece nominare dictator a vita, anche se l'accezione moderna del termine inteso come persona a capo di un regime totalitario, al di sopra di ogni legge, è nata dopo la Rivoluzione Francese, in particolar modo, negli anni del cosiddetto Terrore.

NAUFRAGO

L'etimologia della parola naufrago dativa dal latino naufrăgus, a sua volta, da naufragium cioè "naufragio"dall'unione di navis = nave + frangĕre = rompere. Pertanto il naufrago è il navigatore che a causa della rottura dell'imbarcazione che lo ospita, si trova in estremo pericolo in quanto in balia del mare.
Il naufrago è tale, indipendentemente dalle motivazioni per cui trovavasi imbarcato: sia esso un miliardario il cui yacht si sia guastato, sia esso un migrante o un profugo che tenta di fuggire da condizioni di vita disumane il cui barcone stia colando a picco, è, in ogni caso, protetto da norme internazionali, che prevalgono su quelle dei singoli stati, le quali prevedono che il naufrago venga tratto in salvo e venga portato a terra, prima possibile nel porto sicuro più vicino.

SCHIFO

L'etimologia della parola schifo si collega all'antico francese  eschif (da cui deriva anche la parola schivo), a sua volta dal francone skiuh(j)an = aver riguardo, avere timore, prendere le distanze. Il termine vuole rappresentare i sentimenti di disgusto, di repulsione, di fastidio, di allontanamento, o appunto, di "schivamento" da situazioni, comportamenti, persone o cose che provocano queste sensazioni negative..

ILLUDERE E DELUDERE

Sia la parola illludere (in + ludere), sia la parola deludere (de + ludere) si ricollegano senza dubbio al latino ludus = gioco, burla, scherzo, inganno.
Illudere esprime l'idea di "trarre in inganno". Mentre l''illusione può essere attuata oppure può essere subita, invece la delusione esprime una condizione essenzialmente passiva.
Nel momento in cui l'illusione, l'inganno.venisse scoperto, allora subentrerebbe la delusione cioè il disinganno, l'amara consapevolezza di essere stati coinvolti "in ludo", nel gioco ingannevole. De- (per alcuni, particella intensiva; a  nostro parere, particella che indica la fuoriuscita ... ) + ludere = uscire dal gioco ingannevole.
Ad ogni illusione, la relativa delusione.....Ad ogni illusore, il relativo deluso. 
Meglio rimanere nell'illusione o sopportare la delusione ? Questo è il problema....

FORSE

L'etimologia della parola forse è da ricondursi al latino fors = sorte, caso (interessante notare una certa  analogia col verbo ferre = portare, ed in senso più ampio, accadere, presentarsi...). L'avverbio forse, pertanto deriva dall'espressione "fors sit", letteralmente "sia il caso", più liberamente, "può darsi...(il caso)". Forse è espressione di dubbio e di incertezza; tuttavia, viene ossimoricamente utilizzata per formulare domande retoriche.le cui risposte sono assolutamente scontate e non lasciano spazio all'incertezza ....
Non è forse vero ?  ;-) 

QUARESIMA

L'etimologia della parola quaresima è da ricondursi al latino quadragēsĭma, forma femminile di quadragēsĭmus dies = quarantesimo giorno (prima di Pasqua). Si tratta del periodo penitenziale di purificazione che segue immediatamente il carnevale, dal "mercoledì delle ceneri" al "giovedì santo" (appunto quaranta giorni), caratterizzato dalla pratica del digiuno e dell'astinenza dalle carni, da altre mortificazioni e dai cosiddetti "esercizi spirituali", in preparazione della Pasqua.