NAUFRAGO

L'etimologia della parola naufrago dativa dal latino naufrăgus, a sua volta, da naufragium cioè "naufragio"dall'unione di navis = nave + frangĕre = rompere. Pertanto il naufrago è il navigatore che a causa della rottura dell'imbarcazione che lo ospita, si trova in estremo pericolo in quanto in balia del mare.
Il naufrago è tale, indipendentemente dalle motivazioni per cui trovavasi imbarcato: sia esso un miliardario il cui yacht si sia guastato, sia esso un migrante o un profugo che tenta di fuggire da condizioni di vita disumane il cui barcone stia colando a picco, è, in ogni caso, protetto da norme internazionali, che prevalgono su quelle dei singoli stati, le quali prevedono che il naufrago venga tratto in salvo e venga portato a terra, prima possibile nel porto sicuro più vicino.

Nessun commento: