SINTOMO

L'etimologia della parola sintomo si ricollega al verbo greco συμπιπτω (synpipto) = accadere, capitare, da cui il lemma σύμπτωμα (synptoma) = evenienza, circostanza, indizio. Più in dettaglio, da συν (syn) = conπιπτω (pipto) = cado, letteralmente "cado insieme".
Il termine sintomo, o meglio al plurale "i sintomi",  in medicina è usato per significare l'insieme di segnali percepiti soggettivamente dal paziente come anomali rispetto al proprio normale stato di salute; da non confondersi con i "segni" che, invece, sono indicatori fondati sul  riscontro patologico individuato all'esame obiettivo del paziente stesso attraverso esami diagnostici di vario tipo e che, quindi, a differenza dei sintomi, costituiscono dei dati clinici e diagnostici obbiettivi. I sintomi, a loro volta, si possono distinguere in "sintomi idiopatici, cioè quei sintomi che si riferiscono all'organo direttamente leso, o "sintomi simpatici", quando, al contrario, si riferiscono ad organi diversi da quello direttamente leso.

Nessun commento: